Salta al contenuto principale

Experis Academy e Dedalus insieme per formare i nuovi professionisti dell’IT per la Sanità

Dedalus4Talent: Simone Paolucci, HR Manager Dedalus Italia, illustra il progetto che punta a formare ed assumere brillanti profili Stem in ambito Healthcare

Dedalus, realtà leader in Europa nel settore del software ospedaliero e diagnostico, è il principale fornitore di sistemi gestionali sanitari in Italia – dove fornisce infrastrutture digitali ad oltre 23.000 medici di medicina generale e pediatri - e in oltre 40 Paesi. L’azienda vanta il più grande team di R&D del settore in Europa e, grazie alle sue soluzioni all’avanguardia, supporta oltre 5000 ospedali e 5000 laboratori in tutto il mondo, rispondendo all’intera gamma di esigenze degli operatori sanitari.

 

Il Progetto

Grazie alla partnership con Experis, Dedalus Italia intende rafforzare il proprio team di professionisti IT e di prodotto, con l’obiettivo di supportare le aziende sanitarie, i medici ed i pazienti grazie ad un approccio totalmente innovativo e basato su soluzioni focalizzate sulla cooperazione clinica e sull’ottimizzazione dei processi.

In questa cornice, Experis Academy propone due percorsi intensivi di specializzazione in ambito Healthcare rivolti principalmente a laureati in Informatica, Ingegneria Informatica, Biomedica, Clinica, Bioinformatica, Matematica, Fisica, Statistica e a periti tecnici informatici con una comprovata esperienza lavorativa ed una buona conoscenza della lingua inglese.

Dedalus

Healthcare IT Product Specialist: un percorso atto a formare un professionista, specialista dei tools IT Dedalus, in grado di utilizzare e valorizzare i sistemi gestionali più diffusi nel settore ospedaliero e diagnostico e capace di fornire assistenza e supporto presso le sedi dei più importanti clienti del Gruppo. A conclusione dell’academy di specializzazione, i profili più brillanti saranno selezionati e assunti in Dedalus Italia.

Healthcare Software Developer: un percorso che offre la possibilità di essere assunti in Dedalus, sin dal primo giorno di training, firmando un contratto di lavoro ed entrando immediatamente a far parte del team di sviluppo.

 

Abbiamo chiesto direttamente a Simone Paolucci, HR Manager di Dedalus Italia, di raccontarci più in dettaglio in cosa consiste l’ambizioso progetto Dedalus4Talent.

Dedalus4Talent

In un momento di grande complessità, Dedalus decide di lanciare con Experis l'iniziativa Dedalus4Talent. Da dove nasce questo progetto e in cosa consiste? 

Il progetto nasce dalla volontà di Dedalus di continuare ad investire nelle risorse umane attraverso lo sviluppo delle competenze tecniche e trasversali, con un percorso integrato che va dalla filiera del recruiting ad un onboarding strutturato. La partnership con Experis consiste nel creare un progetto capillare in termini di recruiting, di avere un format strutturato per le fasi di training e di rendere questo modello esportabile in altri paesi dove Dedalus ed Experis sono presenti.

 

Nel progetto Dedalus4Talents avete scelto di puntare sui giovani. Quali sono i requisiti per accedere al percorso e quali le competenze trasversali necessarie per avere successo in questo ambito? 

Selezioniamo giovani risorse brillanti, dinamiche e intraprendenti che desiderino lavorare in un'Azienda all'avanguardia e leader nel settore del software ospedaliero e diagnostico. Siamo alla ricerca di risorse motivate, proattive, con una mente flessibile e curiosa e forte predisposizione al rapporto con la clientela per le posizioni in area delivery, oltre che spiccato orientamento analitico e problem solving per le posizioni in area R&D. Oltre a queste caratteristiche trasversali, i requisiti di base per accedere al percorso prevedono un titolo di studio in ambito informatico, biomedico, statistico, clinico, matematica o similari.

 

In questi mesi, dalle app per il tracciamento dei contagi ai sistemi di prenotazione per le vaccinazioni, abbiamo tutti avuto a che fare con l'utilizzo delle tecnologie in ambito sanitario. L'esperienza non è necessariamente stata positiva, ma ha diffuso la consapevolezza dell'importanza delle tecnologie nel combattere la pandemia e non solo. Quali sono, dal punto di vista tecnologico, le sfide del settore ospedaliero e diagnostico? 

La trasformazione della sanità digitale, come tutte le trasformazioni digitali, è in fase di accelerazione. La principale sfida nel settore sanitario è quella di essere in grado di trasformare i prodotti in soluzioni. Di fondamentale importanza è migliorare l’accessibilità e la partecipazione dei cittadini ai servizi sanitari. La visione di Dedalus prevede che, all’interno dell’ecosistema sanitario digitalizzato, tutti gli stakeholder collaborino attivamente a tutti i livelli del continuum assistenziale per migliorare le condizioni di salute di ogni cittadino.

 

La diffusione dello smart working ha sganciato il concetto di lavoro dal luogo di lavoro, facendoci interrogare su cosa significhi lavorare in/per una specifica azienda. In questo contesto, cosa significa lavorare in Dedalus? 

Lavorare in Dedalus significa far parte di una realtà che nasce con solide basi in Italia ma che negli anni sta vivendo una crescita costante che ha portato il gruppo ad avere poco meno di 6000 persone in circa 40 Paesi. In quest’ottica, la possibilità di contare su una dimensione internazionale e di lavorare su tecnologie in continuo sviluppo rendono più facile il ricorso a modalità agili di lavoro che stanno permettendo a Dedalus di far fronte alle attuali condizioni in modo efficace.

Simone Paolucci continua - I benefici principali sono legati alla possibilità di lavorare in un gruppo che a livello internazionale si occupa dello sviluppo tecnologico e digitale della sanità. Questo percorso di digitalizzazione della sanità era già partito negli anni passati, ma gli eventi legati alla pandemia hanno dato un’accelerazione importante a questo processo che Dedalus sta supportando con le proprie tecnologie all’avanguardia e con una visione che mette sempre al centro il paziente.

 

Sei interessato/a ad entrare a far parte di Dedalus Italia?

Scopri come partecipare al progetto cliccando qui.

Altri Articoli

  • La Motor Valley cerca Talenti
  • Next Generation Skills per la Formazione dei Professionisti dell’ICT ed Engineering
  • Experis Academy inaugura, in collaborazione con ELIS, la nuova sede a Roma.
  • Al Kilometro Rosso è in partenza il primo Master italiano in Blockchain
  • Una nuova stagione nel settore motorsport con i master Experis Academy
  • Siglata la partnership con Intesa Sanpaolo

Contenuti